Follow us:
.
NORTH AMERICAN T-6 I-UOGI

BACK Description:

Il North American T-6 venne sviluppato in seguito ad una specifica emessa dall’USAAC per un aereo da addestramento basico, a cui la North American Aviation rispose con il prototipo NA-16, che volò per la prima volta il 22 aprile 1935. Il velivolo adottava le soluzioni più moderne per l’epoca (struttura metallica, ala a sbalzo, motore con carenature NACA) ma manteneva il carrello fisso e l’abitacolo scoperto. La ditta produttrice vinse comunque la gara e l’US Army ne ordinò 42 esemplari con la denominazione BT-9.

Nel 1936 la North American Aviation lavorò su un altro modello e nel 1937 presentò l’NA-26 con carrello retrattile e motore Pratt e Whitney R-1340, suscitando nuovamente l’interesse dell’USAAC che ne richiese la produzione con il nome BC-1. Modifiche ulteriori aggiunsero la fusoliera con rivestimento lavorante e i serbatoi strutturali e i nuovi raccordi terminali squadrati nell’ala. Nel 1940 l’USAAC mutò la dicitura BC (Basic Combat) in AT (Advanced Trainer) e il nome dell’aereo divenne AT-6, anche se la A scomparirà definitivamente nel ‘48. L’azienda non era però in grado di soddisfare la crescente richiesta di aerei, nemmeno con la nuova fabbrica a Inglewood costruita quattro anni prima; venne così edificata una nuova fabbrica a Dallas, in Texas. Da qui l’ultima parte del nome, Texan, che sostituì quella precedente, Harvard, già comune nella RAF (uno dei principali acquirenti).

Dopo la fine del secondo conflitto mondiale, con la cessione di aeromobili in conto MDAP, all’Italia furono forniti numerosi velivoli addestratori sia di produzione americana (Texan) che di produzione inglese/canadese (Harvard).

Questi furono utilizzati esclusivamente come aerei da scuola di volo e da collegamento, svolgendo il proprio compito in maniera straordinaria. Cominciarono ad essere radiati negli anni ‘70, e l’ultimo volo avvenne all’inizio del 1979.

Nella fornitura, che continuò per svariati anni e per un totale di 230 velivoli, erano presenti anche i 69 Harvard IV ex canadesi (chiamati T-6H4M in Italia).

L’I-UOGI è un Harvard T-6H4M costruito dalla Canadian Car & Foundry Company di Fort William nel Québec, ultima fabbrica a produrre questo tipo di aereo; dopo l’impiego nell’Aeronautica Militare come MM.53863 fu ceduto alla ditta Di.ra. srl di Mondragone (Ce), destinato allo sfascio e recupero materiali.

Nel 1998 fu acquistato da Pino Valenti, che con l’aiuto di Sergio Arban ne iniziò il restauro a partire dallo stesso anno. Il lavoro richiese un impegno di ben 5.000 ore, ma finalmente il 01/07/2006 tornò a nuova vita con il volo di collaudo; la livrea scelta fu quella originale dei Marines di Pensacola negli anni ‘50. Il 28/08/2006 venne rilasciato il Certificato di Navigabilità.

Le linee eleganti, la maneggevolezza e la robustezza ne fanno una delle macchine più apprezzate tra i collezionisti di warbirds.

Nell’inverno 2017/2018 il velivolo è passato sotto la proprietà di Mario Cotti, Presidente dell’AeC Parma, compiendo la prima uscita ufficiale il 23 e 24 giugno all’HAG Fly Party 2018 sull’aviosuperficie di Montagnana.


News / Events

NEWS EVENTS
Info

CONTACT
Copyright
All rights reserved.
Powereb by aeronauticsmedia.com
Follow us: