Follow us:
.
CESSNA 172N I-GJCT

BACK Description:

“La Iena” nasce anonimo nel 1977, un C172N della prima serie, n° di serie 172-68897, con ancora l’impianto a 12 volt. Vola in USA con le marche N734JU sino al 1990 quando si trasferisce in Francia e prende le marche F-GJCT. Soggetto al nazionalismo francese, durante una revisione diventa un Reims e riceve un nuovo serial number RF025 e l’attuale POH è francese (poche pagine a confronto a quello americano). Nel 2002 si trasferisce in Italia e nel 2006 riceve le marche I-GJCT.
Nel 2013 viene trovato triste e abbandonato in un hangar, fermo da un paio di anni, e rimesso in condizioni di volo. SID, un motore nuovo, “qualche” plastica. Gli interni e la livrea sono ancora originali, la vernice lo è per la maggior parte (la registrazione americana ancora visibile in controluce). Non si può lavare altrimenti quello che rimane della pittura viene via e quindi resta perennemente sbiadito e sporco.


Venne battezzato “La Iena” (callsign semi ufficiale) perchè quando addottato era ricoperto di polvere ed escrementi di uccelli e la prima impressione è stata quella di una iena nella savana.


Nota particolare: è uno dei Cessna 172 più lenti al mondo, con una velocità di crociera 90 nodi indicati.

 

  • History
  • Specs
  • History

    Misurato per la sua longevità e popolarità, il Cessna 172 è l'aeroplano leggero prodotto nella storia che ha avuto più successo. I primi modelli di produzione furono consegnati nel 1956 e sono ancora in produzione nel 2010; ne sono stati costruiti più di 43,000. I principali concorrenti dello Skyhawk sono il Beechcraft Musketeer, le serie Grumman AA-5 (nessuno dei quali è però tuttora in produzione), il Piper Cherokee e, più recentemente, il Diamond DA40.

    Il Cessna 172 iniziò la sua vita come un aggiornamento del Cessna 170 da cui differiva per la sostituzione del carrello d'atterraggio triciclo posteriore con uno a triciclo anteriore. Il primo volo del prototipo fu nel novembre del 1955. Il 172 divenne quindi un successo di vendite e ne furono costruiti oltre 1400 nel 1956, il suo primo anno di produzione a pieno ritmo.

    I primi 172 erano simili al 170, con la stessa fusoliera dritta e le alte gambe del carrello, sebbene il 172 avesse un timone trapezoidale mentre il 170 aveva i piani di coda elissoidali. Le ultime versioni del 172 incorporavano un carrello d'atterraggio riprogettato la fusoliera posteriore riprofilata che permetteva l'installazione di un finestrino posteriore. La Cessna pubblicizzò questa visibilità posteriore come "Omni-Vision". L'ultimo miglioramento estetico fu a metà degli anni sessanta, era il timone a freccia che è in uso ancora oggi. Questa configurazione strutturale è rimasta sostanzialmente invariata da allora, tranne per gli aggiornamenti nell'avionica e i nei motori. La produzione si è arrestata a metà degli anni ottanta, per riprendere nel 1996 con il Cessna 172R Skyhawk da 160 hp e fu rinvigorita nel 1998 con il Cessna 172S Skyhawk SP a 180 hp.

    Specs

     


    Lunghezza      8,28 m (27,2 ft)
    Apertura alare    11,0 m (36,1 ft)
    Altezza              2,72 m (8,11 ft)
    Superficie alare  16,2 m² (174 ft²)
    Peso a vuoto      680 kg (1,620 lb)
    Peso max al decollo    1,000 kg (2 450 lb)
    Passeggeri      3

    Propulsione
    Lycoming 0320
    Potenza    160hp

    Prestazioni
    Velocità max    121 kts
    Velocità di stallo    43kts
    Velocità di crociera    100kts
    Velocità di salita    675 fpm
    Autonomia    1,272 km
    Tangenza    4000 m circa


News / Events

NEWS EVENTS
Info

CONTACT
Copyright
All rights reserved.
Powereb by aeronauticsmedia.com
Follow us: