Follow us:
.
AEREI PERDUTI POLESINE

BACK

Durante la Seconda Guerra Mondiale quanti aerei sono precipitati per cause belliche in Polesine e lungo i corsi dei fiumi Adige e Po?
Quali storie si celano dietro ogni singolo episodio che ha visto per protagonisti un velivolo e il suo pilota, indipendentemente dalla bandiera di appartenenza?
Dove sono ora questi aerei ed è possibile trovarne ancora traccia?
Sono ancora presenti nella memoria delle persone?

Queste sono le domande che hanno spinto il Gruppo di Ricerca Aerei Perduti Polesine ad unire le proprie forze per scoprire pagine di storia poco conosciute, ma che rappresentano aspetti importanti relativi sia alle guerra aerea sul Polesine e Basso Veneto sia alle vicende umane ad essa connesse. Le ricerche hanno portato a riscoprire e valorizzare il sacrificio di tanti giovani piloti come a ridare voce ai ricordi di chi, testimone, ha scolpiti nella memoria i tragici momenti di cui fu spettatore.

E’ appunto nel cercare di ridare un volto e una storia a chi ha perduti in guerra i propri sogni e la propria innocenza, quando non la vita, che è nata l’Associazione di Promozione Sociale Aerei Perduti Polesine. Scopo fondamentale dell’Associazione è effettuare la mappatura di tutti i velivoli precipitati sul territorio, ricostruirne la storia e recuperare la memoria di chi ne fu protagonista.

Le modalità di lavoro dei ricercatori dell’Associazione sono rigorosamente di carattere storico e documentaristico: partendo dallo studio dei dati ricavati all’interno di archivi Alleati, Tedeschi ed Italiani, si passa alla comparazione delle informazioni ottenute dai ricordi delle persone. Ed è proprio dalle testimonianze di chi visse i drammi dei bombardamenti, di chi perse amici e congiunti sopportando sofferenze inimmaginabili che emerge un quadro del Polesine, e delle aree limitrofe, nuovo, inaspettato. È da questo quadro, spesso dalle sfaccettature più sorprendenti, che negli anni è maturato il secondo scopo prefisso dall’Associazione: raccogliere i dati in libri che permettano di ricostruire il quadro totale di quella che fu la guerra aerea nel Polesine e Basso Veneto. Il pericolo infatti di disperdere le informazioni (se ci si concentra solo sui singoli episodi di aerei precipitati) è grande: solo una visione totale di quanto accadde sul territorio preso in esame può permettere a tutti di comprendere sacrifici e terrore che unirono, sotto il termine “sofferenza”, civili e equipaggi. Dalle ricerche emerge infine il valore di una popolazione stremata ma che sa ancora aiutare, sopravvivere, rischiare tutto in nome di un sentimento più forte della guerra: la compassione.

L’Associazione di Promozione Sociale Aerei Perduti Polesine, già operativa da qualche anno come Gruppo di Ricerca, è stata costituita e registrata come A.P.S. nel 2017, dall’attuale presidente, Luca Milan che ha riunito intorno a se come fondatori Enzo Lanconelli, Andrea Raccagni e Elena Zauli Delle Pietre, Enzo e Andrea storici e ricercatori, hanno in attivo decine di recuperi di grande importanza attività che li ha aiutati a censire tutti gli aerei precipitati in Romagna durante la Seconda Guerra Mondiale. Le loro ricerche li ha portati ad essere coautori del libro “Aerei Perduti – Romagna 1942-1945”. Andrea è altresì specializzato ed esperto di archivi tedeschi. Elena è scrittrice e collaboratrice del progetto “International Bomber Command Center” della Lincoln University UK, si occupa delle ricerche archivistiche su territorio italiano e sta scrivendo il libro “Aerei Perduti Polesine 1943-1945”. Insieme ad Enzo Lanconelli e Luigi Bovio è coautrice del libro “Cadere da nemici, Cadere da alleati”. Enzo ed Elena hanno un rapporto di collaborazione costante da anni con il DPAA, Ente Governativo Americano che si occupa del ritrovamento di Dispersi di Guerra.

L’Associazione Aerei Perduti Polesine si appoggia inoltre su una fitta rete di collaboratori che, estremamente attivi, permettono di entrare in contatto in modo capillare con le singole realtà locali. Il continuo e proficuo scambio di informazioni con esse, unitamente alla collaborazione con enti comunali e statali, è di enorme importanza, essendo l’intera attività volta a rendere consapevoli istituzioni e popolazione del valore delle ricerche svolte.

La sede legale di Aerei Perduti Polesine è a Rovigo, ma l’Associazione si avvale di una sede operativa nel ferrarese presso il piccolo aeroporto “Prati Vecchi di Aguscello” dove, la proprietà dell’aeroporto e gli amici di GVA “gruppo VOLO AGUSCELLO” associazione aggregata all’Aero Club Italia, hanno messo a disposizione ambienti sia per la conservazione e l’esposizione dei reperti. sia per riunioni, incontri, dibattiti e conferenze.

Naturalmente l’Associazione mette a disposizione le proprie competenze per approfondire segnalazioni, testimonianze e documenti relativi alla guerra aerea sul non solo limitatamente al Polesine e al Basso Veneto, ma anche estesamente a tutto il territorio italiano.

 

 




News / Events

NEWS EVENTS
Info

CONTACT
Copyright
All rights reserved.
Powereb by aeronauticsmedia.com
Follow us: